Accessori per la barca: cosa non può mancare

Accessori per la barca: cosa non può mancare

L’estate si avvicina e tutti gli skipper sono presi dalle grandi manovre per preparare al meglio la loro barca. Dopo il rimessaggio invernale e una buona mano di antivegetativa sulla carena, è il momento di verificare che le attrezzature di bordo siano presenti e in buono stato di funzionamento. Fra obbligatori, indispensabili e marginali, gli accessori per la barca sono davvero molti e fare una lista per non dimenticare nulla è un’ottima regola da seguire. A seconda che l’imbarcazione sia a motore o a vela, l’elenco sarà differente, ma gli accessori primari sono gli stessi. Vediamo quali.

Accessori barca per la sicurezza

Le dotazioni di sicurezza, obbligatorie per legge, non sono uguali per tutti e dipendono dalla distanza dalla costa che si intende raggiungere. E sono moltissime. Ma anche il capitano che si limita a navigare lungocosta, non prenderà il largo senza alcuni di questi accessori. Primo fra tutti, il salvagente anulare per un eventuale recupero dell’uomo a mare, meglio se corredato da fischietto, che facilita l’individuazione del malcapitato. Un giubbotto di salvataggio per ciascun membro dell’equipaggio è, poi, una regola fissa da osservare, anche se tutti sono capaci di nuotare: il mare può giocare brutti scherzi e il panico rischia di trasformare in tragedia perfino una semplice caduta in acqua. Poi, ci sono quegli accessori che si comprano, sperando di non doverli usare mai: la zattera di salvataggio e i razzi di segnalazione. Troveranno posto in una zona asciutta, al riparo dalla salsedine e dalle intemperie, pronti per essere usati in caso di estrema necessità.

Accessori per la navigazione: meteo, punto nave e comunicazioni

Prima di partire è importante dotarsi di strumenti di navigazione accurati e precisi. Carte nautiche aggiornate permettono di trovare il porto in tutta sicurezza e un gps garantisce la definizione del punto nave in un istante e senza possibilità di errore. Completano la dotazione un ecoscandaglio, soprattutto per chi preferisce ancorare alla fonda, e una bussola magnetica, precisa e affidabile in ogni situazione. Chi ama studiare le variazioni del tempo non si farà mancare un barometro e lo skipper di una barca a vela non rinuncerà all’anemometro per valutare direzione e intensità dei venti. Anche nell’epoca dei cellulari, la radio VHF è indispensabile: in caso di necessità, una chiamata sul canale 16, dedicato alle emergenze, può fare la differenza.

Accessori barca per facilitarsi la vita

La vita in barca può essere molto faticosa, sopratutto se le dotazioni sono carenti e costringono a manovre pericolose e navigazioni scomode. Fra le comodità che vale la pena concedersi, il tendalino è in cima alla lista. In estate, il sole picchia forte e navigare all’ombra di una copertura rende la traversata più confortevole. Senza contare che, di sera, permette rilassanti cene in coperta, al riparo dall’umidità. Nominare gli indispensabili parabordi sembra eccessivo, ma non sarebbe la prima volta che qualcuno lesina sul numero, con conseguenze disastrose al momento dell’ormeggio. Sempre meglio acquistarne uno in più, che uno in meno. Il mezzomarinaio, poi, è un accessorio da non sottovalutare. Soprattutto col mare mosso, accostarsi a un’altra barca o recuperare una cima in acqua può trasformarsi in una spaventosa avventura: questo strumento permette di fare miracoli anche ai meno esperti. La scaletta più che un accessorio è un must: mai dimenticare che, il più delle volte, è l’unico modo per risalire a bordo. La passerella sembra una dotazione superflua, ma in realtà si può tramutare nella sola possibilità per scendere a terra. Non sempre è possibile avvicinare la poppa o la prua alla banchina, men che mai agli scogli, pertanto una semplice passerella, in legno o vetroresina, può risolvere brillantemente la situazione. E infine, basta con le complicate manovre per il recupero dell’ancora: un salpancora facilita la vita e rende più piacevole ripartire per la navigazione.

Piccoli accessori che non possono mancare

Chi va per mare sa che in ogni momento c’è qualcosa che si può rompere e lo skipper deve saper intervenire con efficacia e velocità. Una cassetta degli attrezzi con i principali strumenti per i piccoli lavoretti a bordo è indispensabile. Così come è doveroso avere sempre a portata di mano una cassetta di pronto soccorso, dotata di bende, disinfettanti, cerotti e farmaci di prima necessità. Una cerata per ogni persona imbarcata può essere una dotazione eccessiva, ma vale sempre la pena averne almeno una per ciascun membro dell’equipaggio addetto alle manovre.
La vita in barca è piacevole e rilassante, ma può riservare anche qualche sorpresa. Mai partire all’avventura. Dotarsi di tutto il necessario è un obbligo morale, prima ancora che legislativo.